Il regista Pierfrancesco Campanella insignito dell’importante Premio “Personalità Europea 2016”

 Campanella con l'attrice Carla Dujany

E’ stata celebrata nella Sala della Protomoteca, in Campidoglio, la 46^ edizione della Giornata d’Europa, organizzata dal Centro Europeo per il Turismo Sport e Spettacolo, col patrocinio di Roma Capitale.

Il regista Pierfrancesco Campanella 2 b XX

Sono state consegnate le targhe “Personalità Europea” a numerosi personaggi appartenenti al mondo dello spettacolo, dell’arte, del giornalismo e dello sport.

Campanella con l'attrice Carla Dujany XX

Ha dato inizio alla Manifestazione il Presidente dello stesso Centro Europeo, Giuseppe Lepore, che, dopo aver salutato gli intervenuti, i premiati e i numerosi ospiti, ha illustrato le motivazioni che hanno guidato la scelta dei destinatari dell’ambito riconoscimento, motivazioni direttamente collegate alla dedizione con cui ciascuno dei prescelti svolge la propria attività con determinazione ed impegno, onorando conseguentemente la categoria professionale di appartenenza.

Campanella con gli attori Danilo Brugia e Angelo Costabile

Dopo l’intervento delle Autorità istituzionali presenti all’evento, si è proceduto alla consegna degli ambiti riconoscimenti. Tra i premiati spicca il nome “magico” di Carla Fracci, mito vivente della danza internazionale.

Campanella in Campidoglio con l'attrice Carla Dujany

E con lei, molti altri personaggi di prestigiosissima caratura. Citando alla rinfusa: Lina Wertmuller, Carlo Vanzina, Maria Grazia Cucinotta, Gigi D’Alessio, Anna Tatangelo, Marisa Laurito, Corinne Clery, Barbara Bouchet, Francesca Cavallin, Cinzia Th Torrini, Dolcenera, Danilo Brugia, il produttore televisivo Pietro Valsecchi e il regista Pierfrancesco Campanella, di recente tornato dietro la macchina da presa col corto “L’amante”.

Gigi D'Alessio si intrattiene col regista Pierfrancesco Campanella

Per le attività sociali si è distinto il giovane attore Simone Amato, impegnato in lodevoli iniziative in difesa dei soggetti più deboli, come donne e bambini, spesso vittime di  quotidiana violenza.

C. Vanzina, Bouchet, Clery, Vaudetti, Elmi, Orsomando