Il saputello Giovanni Toti, afferma che in Molise non c’è il mare, dimostrando la sua scarsa conoscenza della geografia

Giovanni Toti, Governatore della Liguria

Il presidente della Liguria Giovanni Toti, nel corso di un’intervista per il programma di Rete 4 Diritto e Rovescio, ha parlato della richiesta fatta dalla sua regione e da altre regioni governate dal centro-destra di aver più autonomia in vista della cosiddetta Fase 2 dell’emergenza da coronavirus, che inizierà dal prossimo 4 maggio.

Toti, come gli altri presidenti, chiede che le regioni possano decidere autonomamente di allentare le restrizioni e che venga riconosciuta maggiore flessibilità a quelle in cui la situazione dei contagi risulta migliore.

A questo proposito, Toti ha specificato che le riaperture devono avvenire sulla base delle specificità di ogni regione, non solo epidemiologiche ma anche geografiche, aggiungendo che, ad esempio, riaprire le spiagge in Liguria sarebbe un problema, perché creerebbe assembramenti, mentre non lo sarebbe in Molise dove al massimo le persone andrebbero «su una spiaggia di un fiumiciattolo o di un lago», forse scordando che il Molise si affaccia sul Mar Adriatico.

La cosa che sconvolge, è che Toti, oltre ad avere un ruolo politico particolarmente importante, è anche un giornalista, e fa specie, quindi, che un professionista dell’informazione non abbia una seppur minima conoscenza della geografia.

Noi, se fossimo i responsabili dell’Ordine dei Giornalisti, visto quanto accaduto, gli faremmo rifare gli esami per l’accesso alla professione.

.


Articolo tratto da www.ilpost.it, consultabile tramite il seguente link:

https://www.ilpost.it/flashes/giovanni-toti-molise-mare/?fbclid=IwAR36PqvrhGOgSZLbmbIb3LEnMyzYwtymkUQzBtSs_7xa8fdsvMK2xLy8McM

.