Il fidanzato della senatrice Pezzopane iscritto all’Università solo con la terza media ?

00 cover

Abbiamo letto, con enorme stupore, l’articolo pubblicato in data 15 maggio 2017 dal quotidiano abruzzese on-line “Prima da Noi”, nel quale si riporta il dubbio, scaturito da una segnalazione di Alessandro Maiorano, che tale Simone Coccia Colaiuta, fidanzato della senatrice del PD Stefania Pezzopane, sembra sia stato fatto iscrivere all’Università, e nel caso specifico a quella di L’Aquila, feudo elettorale della fidanzata, senza essere in possesso dei requisiti di legge richiesti.

Noi non sappiamo se quanto riportato da “Prima da Noi” abbia un fondamento, ma se così fosse, noi ed i nostri lettori ci sentiamo autorizzati a domandare, agli organismi istituzionali preposti, come sia stato possibile far iscrivere all’Università una persona senza gli obbligatori requisiti di legge richiesti, e sopratutto ci domandiamo, dopo la segnalazione-denuncia di Alessandro Maiorano, se si dovesse realmente accertare un eventuale reato di tal siffatta gravità, qualcuno si attiverà per far affermare la legge e punire gli aventuali colpevoli ?

Noi siamo poco propensi ad essere fiduciosi, ma Alessandro Maiorano sembra avere ancora fiducia nella giustizia, nonostante abbia dovuto faticare non poco per far emergere alcune presunte illegalità che, in altra vicenda, hanno portato la Procura di L’Aquila, su denuncia specifica del Maiorano, a rinviare a giudizio proprio il Coccia Colaiuta per il presunto reato di tentativo di truffa ai suoi danni (secondo la Procura aquilana perpetrato in complicità con il suo agente Ivan Giampietro, della Venus Entertainment, ed in complicità anche con una per ora non identificata “Stefania”), emerso grazie a delle intercettazioni telefoniche effettuate dalla Digos in un procedimento penale riguardante altri reati, e nella fattispecie dei presunti tentativi d’estorsione.

1412600966_Untitled-3

E se quanto ulteriormente scritto da “Prima da Noi” riguardo al fidanzato della senatrice Pezzopane, e cioè la frase «anche in considerazione del fatto che gira voce a L’Aquila che lo stesso ha già subito una condanna per falso in atto pubblico» risultasse avere fondamento, ci sarebbe ancor più da preoccuparsi, e da chiedersi, visto che divide la sua vita con il Coccia Colaiuta, se la senatrice sia al corrente di quanto rivelato e denunciato da Maiorano, che non sappiamo come sia venuto a conoscenza di tali presunte illegalità, ma che, per la sua tenacia e capacità di acquisire informazioni e documentazioni di particolare importanza su misfatti o presunti tali, più che un ex dipendente del Comune di Firenze sembra essere un attivissimo agente dei servizi segreti, ed alcune rivelazioni fatte anni fa su di lui da alcuni magistrati, sembrano, a distanza di tempo, darne indirettamente conferma.

Di seguito, il servizio pubblicato dal quotidiano on-line “Prima da Noi”, consultabile direttamente tramite il seguente link:

http://www.primadanoi.it/gallery/cronaca/572621/simone-coccia-colaiuta-alluniversita-de-laquila-ma-ha-solo-la-terza-media.html

logo_colored_jpg IPEG

 

Simone Coccia Colaiuta all’Università de L’Aquila, «ma ha solo la terza media»

Nuovo esposto di Alessandro Maiorano contro il fidanzato della senatrice Pezzopane

15 Maggio 2017  –  L’AQUILA. Selfie all’università, selfie in aula, selfie col tesserino, selfi in biblioteca. Simone Coccia Colaiuta  lo ha detto in tutti i modi e a tutto il mondo che da qualche mese si è iscritto all’università.

Finzione o realtà?

Uno scherzo per canzonare i suoi “amici su Facebook” o davvero il fidanzato della senatrice Stefania Pezzopane tra i suoi impegni in California ha anche messo l’ambizioso traguardo di una laurea?

La notizia è giunta anche a Firenze dove una sua vecchia conoscenza ha notato qualche incongruenza firmando l’ennesimo esposto.

Alessandro Maiorano,  che ha già collezionato al suo attivo numerose denunce ai danni del fidanzato della senatrice Stefania Pezzopane,  ha chiesto alla Procura dell’Aquila di verificare  se anche l’iscrizione all’università sia regolare o se, invece, non sia frutto di qualche reato.

Già perché in più occasioni lo stesso Colaiuta ha affermato di aver frequentato la scuola solo fino alle medie e, dunque, di essere in possesso di un diploma di scuola media inferiore e non uno di scuola media superiore, come previsto dalla legge per poter poi accedere università.

In una delle immagini postate su  social si vede anche un documento riportante la matricola 248604  che potrebbe comprovare la sua iscrizione all’Università di Scienze Umane dell’Aquila nel corso di laurea di mediazione linguistica.

Nel suo esposto Maiorano ora si domanda come possa essere accaduto che l’università non si sia accorta della mancanza del titolo.

«E se l’iscrizione all’università si fosse concretizzata grazie ad un’autodichiarazione mendace allora sarebbe ancora più grave», scrive il denunciante, «anche in considerazione del fatto che gira voce a L’Aquila che lo stesso ha già subito una condanna per falso in atto pubblico».

Si tratta di accuse che Maiorano  chiede di verificare al più presto fornendo anche alcuni documenti in suo possesso oltre la stampa di alcune pagine Facebook del profilo di Coccia Colaiuta.