Al San Raffaele basta pagare 120 euro per avere un tampone, in attesa che la Regione Lombardia faccia chiarezza…

ATTILIO FONTANA, Governatore della Regione Lombardia.

Prezzo 120 euro: basta pagare, ed ecco il tampone fatto.  Al San Raffaele Resnati, in attesa che la Regione Lombardia faccia chiarezza una volta per tutte sulla questione tamponi, già si offre la possibilità a privati o aziende di accedere al test per capire se si è positivi o meno al coronavirus, con ritiro referti direttamente in via Olgettina.

“Mentre l’assessore Gallera ci dice che non si possono aumentare i tamponi perché mancherebbero i reagenti dice Samuele Astuti del Pd – veniamo a sapere che ci sono laboratori che li offrono privatamente per cifre molto variabili. Il San Raffaele, per esempio, li fornisce per un costo intorno ai 120 euro, altri al doppio”.

Il problema è che mentre si negano o vanno al rilento i test agli operatori sanitari, ai pazienti e al personale delle residenze per anziani, così pure a chi presenta evidenti sintomi, con ogni evidenza c’è un mercato privato dei tamponi, “un far west senza regole – continua Astuti – ma secondo quanto detto da Gallera oggi (ieri, ndr), questo non è possibile, cioè non si possono fare tamponi a privati a pagamento.

Com’è possibile che questo avvenga? È forse stata una scelta quella di limitare il numero dei tamponi?

La Regione deve spiegare ai lombardi che cosa sta succedendo. Soprattutto, è fondamentale che la Regione faccia quanto è in suo potere per aumentare il più possibile il numero di tamponi analizzati dal servizio sanitario regionale, perché in altro modo non si può pensare di avviare la fase 2″.


Articolo di Matteo Pucciarelli per www.repubblica.it, tratto da “Dagospia” e consultabile tramite il seguente link:

https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/quot-far-west-quot-lombardia-milano-tamponi-pagamento-san-233791.htm

.